Il terremoto nel mondo di Leonardo Zanier

Piera Rizzolatti (Università di Udine)

Abstract

Il terremoto nel mondo di Leonardo Zanier

L’articolo presenta alcuni componimenti – che costituiscono una breve e intensa sezione tratta dalla raccolta Confin, poi replicati nel CD Sulla pelle della terra – di Leonardo Zanier. Scaturiti sulla scia dell’emozione per il sisma che ha devastato il Friuli nel 1976, essi evidenziano le modalità in cui l’autore si aggrappa alle leggende tradizionali sul terremoto, rivisitandole con le parole di un poeta che cerca di ammorbidire la realtà, purtroppo brutale, dell’evento, senza dismettere l’ironia di chi ben conosce il carattere del popolo carnico, altalenante tra fatalismo e coraggiose scelte.

The Earthquake in the Words of Leonardo Zanier

The article analyses some short and intense poems, selected from Leonardo Zanier’s collection Confin, which has been then replicated in the CD On the Skin of the Earth. Stemming from the emotional reactions promoted by the earthquake that devastated Friuli in 1976, they highlight the ways in which the author clings to the traditional legends dealing with earthquakes, revisiting them with the words of a poet who tries to smooth the brutality of the event, without divesting the irony of those who well know the nature of the people from Carnia, always wavering between fatalism and heroism.

Keywords

Terremoto; poesie; Zanier